San Bernardino
Edit Template

EVENTI
IL NOSTRO PROGETTO
CONTATTI

Edit Template
Live impianti
Skipass e ticket
Webcam

Itinerari di più giorni

Details
Via San Bernardino

ITINERARIO 1

Via San Bernardino

Un trekking di quattro giorni in cui gli escursionisti sono invitati a scoprire l’itinerario che attraversa la Valle Mesolcina, ripercorrendo le tracce della prima strada alpina carrozzabile dei Grigioni. La prima tappa parte da Cama, precisamente dalla Rotonda di San Lucio, risalente all’epoca carolingia. Si cammina in direzione Roveredo ammirando la grande quantità di chiese, torri e palazzi disseminati sul percorso. Continuando in direzione Grono ci si imbatte in un’altra struttura dal grande valore storico e architettonico, la Torre Fiorenzana. Si prosegue poi verso Leggia e Cama, con le affascinanti rovine del castello di Norantola. A Cama è possibile fermarsi per il pernotto, senza dimenticarsi di passare da uno dei tipici grotti, spartane ma deliziose osterie in cui degustare le specialità locali tra cui vino, affettati e formaggi. Questa prima tappa è piuttosto facile, con appena 3 ore di cammino, 11.2 chilometri e 97 metri di dislivello.

Il mattino seguente si riparte, alla volta dei paesini di Sorte, Lostallo e Cabbiolo. Il paesaggio, tra selve, prati, mulattiere, viadotti e golene offre scorci decisamente pittoreschi. Si prosegue poi verso Soazza, adagiata su una suggestiva terrazza naturale: consigliata una visita all’Ospizio dei Cappuccini e alla chiesa di San Martino. Buona parte di questa seconda tappa si snoda su tratti della vecchia Ferrovia Retica, per un totale di 3:45 ore, 14,3 chilometri e 245 metri di dislivello.

Da Soazza parte un sentiero didattico ideale per approfondire la conoscenza degli aspetti naturalistici, paesaggistici e culturali della zona. Il tragitto prosegue verso le imponenti rovine del castello di Mesocco, fortezza dal fascino rinascimentale smantellata nel XVI secolo. A pochi passi anche la chiesa di Santa Maria del Castello, al cui interno si possono ammirare splendidi affreschi del Quattrocento ben conservati. Il passato di Mesocco affonda le sue radici in un’importante gestione dei traffici che passavano da San Bernardino, e a questa tradizione sono legati diversi edifici storici. Senza dimenticare che qui le tracce delle prime presenze umane si attestano a quasi 10 mila anni fa! Da Mesocco il percorso si fa più impegnativo: il sentiero ormai alpino sale ripido verso Pian San Giacomo, e da qui prosegue lungo l’antica mulattiera fino al villaggio di San Bernardino. I tempi di percorrenza di questa tappa sono più consistenti delle due precedenti: 6 ore, 14.5 chilometri, 1042 metri di dislivello.

L’ultima tappa porta da San Bernardino al Passo attraverso un paesaggio naturale sorprendente: pinete, torbiere, laghetti, boschi, pascoli. Dal centro del paese (1608 metri) si sale al valico (2065 metri): qui, in riva al lago, sorge l’Ospizio, costruito negli anni Venti dell’Ottocento. La vasta area del passo è contraddistinta da dolci rilievi, plasmati dalle antiche azioni dei ghiacciai. Oggi costituisce un habitat perfetto per una ricca varietà di vegetazione e di notevole interesse paesaggistico per gli amanti della natura. Si conclude così l’ultima tappa, dopo 2 ore di cammino, 5 chilometri e 457 metri di dislivello.

Difficoltà T2

Distanza 44,9 km

Durata 14:45 h

Punto più alto 2.077 m

Punto più basso 267 m

    © Copyright 2024. All Rights Reserved